ggg5b

L' "Anello della Grande Guerra": il Sentiero dei Soldati

Allo scoppio della Grande Guerra parte del confine fra il Regno d’Italia e l’Impero Austro-Ungarico scendeva lungo la Val Pontebbana per inerpicarsi nelle Alpi Giulie occidentali fino allo Jôf di Montasio e salire poi sul crinale del Canin.

Le cime svettanti della Giulie erano di difficile conquista per le truppe: le difficoltà maggiori che gli eserciti dovettero affrontare sul fronte alpino furono legate all’impervietà del terreno e alle avversità climatiche. L’elevazione dei gruppi montuosi rese pertanto indispensabile la realizzazione, col procedere del conflitto, di una fitta rete di strade, mulattiere, sentieri, teleferiche e postazioni di ricovero.

Oggi l’ “Anello della Grande Guerra”, intrecciando gli attuali sentieri alpini con la pista ciclabile Alpe Adria, vi permette di seguire il più vicino possibile quelle che erano le prime linee dei due eserciti e di attraversare in pace i territori una volta contesi.